Nelle Piazze

12304472_578142565667047_3575739019130763859_oNew

Marcia per il Clima

Il 29 novembre 2015 Slow food, come componente della Coalizione per il Clima, ha organizzato e partecipato con altre 50 associazioni e organizzazioni di categoria alla Marcia che si è tenuta da Campo de’ Fiori ai Fori Imperiali. I nostri volontari sono stati presenti con uno stand istituzionale ai Fori per l’intera giornata e i nostri produttori hanno offerto Presidi Slow food e altri prodotti artigianali fino alla fine del grande concerto previsto a chiusura della manifestazione. La Marcia, che è stata organizzata contemporaneamente in tutte le principali capitali del pianeta, ha esercitato pressione sulla Cop 21, che si è tenuta a Parigi subito dopo, affinché l’incremento della temperatura media fosse contenuto al di sotto dei 2 gradi rispetto all’era pre-industriale. La Conferenza si è impegnata su una soglia di 1,5 gradi, ma senza prevedere sanzioni e con una prima verifica nel 2023.

.marcia

 

 

 

 

 


10603459_10153301402318388_4869130075495459409_n

 

10400127_10153301402273388_3388086009174220942_n

Befana Solidale

Dopo l’annullamento in autotutela del bando per l’edizione 2015/2024 a causa dei dissidi tra i “bancarellari” e l’amministrazione pubblica, dal 30 dicembre 2015 al 6 gennaio 2016, nello splendido scenario di piazza Navona, si sono tenute delle attività all’insegna della solidarietà sociale. Ben 21 Organizzazioni Non-Governative e della Società Civile, tra cui Slow Food, hanno intrattenuto per tutto il periodo post-natalizio bambini e famiglie con l’iniziativa della Befana Solidale. Questa manifestazione è stata arricchita da laboratori di riciclo, puppet show e clowneria, spettacoli per bambini, giochi di strada, laboratori di pittura, filastrocche, concerti, musica e danza.

 

 

12973606_10153534032508388_8427230741384555694_oSlow Food Day 2016

13001124_10153534002968388_3098306610618914116_n13010845_10153534003603388_8917055812126771114_nIn occasione dei trent’anni compiuti dall’associazione, sabato 16 aprile si è tenuto il compleanno di Slow Food a Roma nella splendida cornice di Piazza di Spagna dalla mattina fino alle ultime ore diurne a disposizione! Il motto dell’evento “Voler Bene alla Terra” è stato declinato da Slow Food Roma con un omaggio ai nostri Presidi dell’olio extra vergine d’oliva. In aggiunta laboratori creativi per bambini sul riciclo e sugli sprechi alimentari, giochi e degustazioni per i più grandi per imparare a scegliere un olio di qualità,  tanta musica e danze popolari. Pic-nic con pane e olio di Presidio della rete giovani.

Appia DayIMG_8486

Il successo di un evento che l’8 maggio 2016  ha attratto tantissimi romani, e ciò non stupisce. Chi ha potuto, la domenica, non si è fatto sfuggire IMG_8485l’occasione unica di godersi le meraviglie della Regina Viarum libera dai mezzi a motori. Un museo a cielo aperto da mozzare il fiato.Tutti a piedi dunque, o in bicicletta, per festeggiare l’Appia Day, la giornata organizzata da una cinquantina di associazioni tra cui noi di Slow Food Roma e comitati per chiedere la pedonalizzazione della storica strada 365 giorni all’anno. Passeggiate, tour guidati, visite dei patrimonio monumentale. L’appuntamento ha riscontrato un gran successo seguito dall’appello degli organizzatori a chiudere la strada al traffico, trasformandola nel sogno che fu di Antonio Cederna: la realizzazione di un parco archeologico unico al mondo, dalla Colonna Traiana e dal Foro Romano fino ai Colli Albani che ingloba Colosseo, Palatino, Terme di Caracalla, Mura Aureliane.IMG_8487

 

 

 

 

 

 

13161888_648414291973207_4244913780978720863_o

 

Manifestazione contro il TTIP

Sabato 7 maggio a Roma in 40mila persone tra cittadine e i cittadini hanno preso parola non solo per sostenere un modello di società più giusto e soste13116496_648415018639801_8257274237093221157_onibile, ma per difendere le prerogative della democrazia dalle rischiose scorciatoie delle élite economiche. La giornata di mobilitazione nazionale si è posta l’obiettivo di portare agli onori delle cronache i rischi del Ttip, per lo più ignorati da grandi media e televisioni. L’allargamento dell’opposizione pubblica, unito agli scarsi progressi del negoziato nell’ultimo anno, può allontanare la minaccia ed evitare un cambiamento epocale nella storia geopolitica del pianeta. Il controverso accordo sul commercio e gli investimenti, negoziato in segreto da delegati della Commissione europea e del governo statunitense, non piace a nessuno. Ambientalisti, animalisti, agricoltori, sindacati, organizzazioni in difesa della società civile, tutti convinti che la creazione di uno spazio transatlantico di libero scambio non sia una buona idea, e chiaramente anche Slow Food è scesa in campo per esprimere il suo antagonismo. Specialmente per gli 800 milioni di consumatori che, sulle due sponde dell’Oceano, producono il 46% del Pil globale e rischiano di veder crollare diritti e tutele figli di faticose conquiste civili.13173541_648414891973147_896672345532361309_o

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.